LMVDM. La mia vita disegnata male

LMVDM. La mia vita disegnata male

Gipi / Dec 07, 2019

LMVDM La mia vita disegnata male Gipi ci racconta la sua vita tra viaggi reali e psichedelici problemi di salute e medici feticisti uno dei pi grandi autori di fumetti di sempre si svela come non aveva mai fatto prima alternando i

  • Title: LMVDM. La mia vita disegnata male
  • Author: Gipi
  • ISBN: 9788876181252
  • Page: 399
  • Format: Paperback
  • Gipi ci racconta la sua vita tra viaggi reali e psichedelici, problemi di salute e medici feticisti, uno dei pi grandi autori di fumetti di sempre si svela come non aveva mai fatto prima, alternando il bianco e nero al colore, la quotidianit alla fantasia Una narrazione in bilico tra dramma e comicit.

    • [PDF] ¶ Free Download ¸ LMVDM. La mia vita disegnata male : by Gipi ↠
      399 Gipi
    • thumbnail Title: [PDF] ¶ Free Download ¸ LMVDM. La mia vita disegnata male : by Gipi ↠
      Posted by:Gipi
      Published :2019-09-14T22:22:23+00:00

    About "Gipi"

      • Gipi

        Born in Pisa, Gianni Pacinotti Gipi started out illustrating for the publishing and advertising fields From 1992, he creates illustrated stories and comics, published in magazines like Cuore, Blue, Il Clandestino, Boxer, Il Manifesto and La Straniero In 2000, he founded Santa Maria Video, a studio through which he creates video and animation shorts His graphic novel Appunti per une Storia di Guerra , published by Coconino Press, also appeared in France Gipi has created Gli Innocenti for the collection Ignatz, edited by Igort He is editor of the Esterno Notte anthology, and an illustrator for magazines like La Repubblica.


    275 Comments

    1. Squarci di umanitàUn percorso a ritroso alla riscoperta della propria vita, ma anche una evoluzione nella rappresentazione a fumetti, in direzione della massima semplificazione.Il tratto essenziale e traballante corrisponde, dal punto di vista psicologico, alla perdita dei riferimenti, la messa in mostra delle problemi personali dell'autore, della propria visione del mondo.Gipi ha il gusto per la battuta, sdrammatizza e smitizza, in modo umile e divertente. E' solo una vita vissuta male, come c [...]


    2. - Vede, dottore, non ho mai parlato di queste cose nelle mie storie. Non volevo che suscitassero un qualche fascino sui ragazzi pi� giovani. - E ora ha cambiato idea? - Ora sono invecchiato. Odio i giovani. Farei qualunque cosa per danneggiarli.


    3. "Sono scemo. Accidenti al mondo, sono scemo! E allo stesso tempo non lo sono abbastanza. Voglio dire: vorrei essere tanto scemo da non rendermene conto! Ma lo sono solo al novantanove per cento. E quell'un per cento mi frega, e non mi salva."E' il primo racconto di Gipi che abbia mai letto e mi ha incantato. Utilizzare il proprio cazzo per narrare la propria vita, le insicurezze e le idiozie di un'adolescente incazzato della Pisa degli anni '80/'90.Acquarelli tragicomici all'insegna della confes [...]


    4. potrei riempire questo commento di paragoni (a fumettisti, scrittori e musicisti), di citazioni da una delle tante frasi che illuminano le tavole e ti rimangono dentro dopo la lettura, di aggettivi tendenti al superlativon servirebbe a nulla.questo libro va letto.è necessario.


    5. Oddio. Sono diventata fanatica di una persona che nella vita "reale" non frequenterei. Non ho mai vissuto come questi ragazzi alla trainspotting, non mi sono mai piaciuti e non ho mai capito la loro specie di imbecillità momentanea (durante dei "momenti" che durano degli anni). So che per molti di loro questo è solo un periodo (e dopo tornano all'umanità e magari si rendono conto di non essere gli unici protagonisti del mondo o del fatto che all'infuori delle 2 o 3 funzioni corporee o interaz [...]


    6. perfetto per quando ti svegli di malumore, con il mal di testa, due ore più tardi delle tue intenzioni, con la consapevolezza di avere una giornata da buttarellissimo.


    7. O Gipi é um cara foda. O traço rápido é bom e as aquarelas são maravilhosas. LMVDM é quase um resumo de uma auto-análise. Um adulto bagunçado tentando rever o que o trouxe até ali, mas sem ser muito óbvio. Tudo com uma boa camada de humor, de compreensão sobre tudo o que aconteceu. Foi pra mim um respiro necessário no meio de tanta página de texto cheia de intenção.


    8. Bello, con qualche, ovvia, citazione di Pazienza (il ricordo dell’estate fa pensare molto quello di un racconto di Pazienza, Sogno d’estate, uno dei miei preferiti). Tuttavia, devo ammettere che mi aspettavo di più.


    9. Meglio di quanto mi aspettavo. Personale e un po' autoreferenziale, ma decisamente capace di toccare diverse corde giuste. Si fa leggere volentieri un paio di volte.


    10. Mai un volume fu più adatto a contenere la parola VITA nel titolo, perché nelle pagine di Gipi si riesce a respirarla tutta. Si percepisce da vicino il disagio, suo e nostro. Ci si perde del tutto in un testo che coniuga fumetto e romanzo in una maniera del tutto particolare. Con qualche rimando ad Andrea Pazienza ma pare inevitabile. Ci sono tanti dolori e un po' di sorrisi in "LMVDM"; tragedie di cui bisogna sempre ridere, direbbe l'autore. Pur non capendone molto, mi sento però di dire che [...]


    11. Got a French edition of this (Ma vie mal dessinee, Futuropolis, 2009; translated from the Italian by Helene Dauniol-Remaud) when I was in Montreal last year. Looks like he re-lettered it in French, or it's a really good computer font for lettering? No English edition to date. Sussing it out, it appears to be:1. 'Autobiographical', drawn sketchbook-style, straight to ink or ink + pencil, lots of text. A. Dealing with health problems (+ problems of a sexual nature?) B. Also included is a brief war [...]


    12. Di niente mi nteresso ora. Ciechi gli occhi e pure muti gli orecchi e pure. Voglio solo fumare. Voglio solo fumare il fumabile. Voglio un divano oceanico. Ho mentito ogni volta che ho detto "sto bene". Tutte le volte e questo lo sapevano tutti. Era per questo che distoglievanogli occhi. Siamo tutti vigliacchi. Non è vero?</p><p>*</p><p>Davanti ad una tazza di caffè giurai di smetterla con un sacco di cose.</p><p>*</p><p>Non c'è niente di meglio [...]


    13. Disegnata come!? Da dove questa modestia, Gipi? Il tuo libro è poesia, Gipi: "Di niente mi interesso ora. Ciechi gli occhi e pure muti gli orecchi e pure. Voglio solo fumare. Voglio solo fumare il fumabile. Voglio un divano oceanico". Con la tua penna, Gipi, disegni male personaggi che acquistano una vitalità spaventosa, atteggiamenti miracolosamente in grado di dare, dare al lettore la scompostezza e mutevolezza delle pose quotidiane.


    14. Disegnata male, vero, ma quanto basta per recapitare il messaggio. Forte, sgraziato, confuso, ma diretto. Non è la matita dell'artista a fare grande un fumetto, ed è la prima volta che qualcuno mi costringe a pensarla così, ma quello che riesce a dirti tra scarabocchi e parole. LMVDM è un viaggio intimo, troppo, una confessione che non dovresti ascoltare e alla quale ti vergogni di partecipare senza permesso. Ma Gipi sta urlando, lo senti forte, e in silenzio lo lasci sfogare.


    15. Mi ha fatto sorridere, mi ha fatto commuovere, mi ha fatto riflettere. E scriverlo così non rende l'idea, ma poco importa, perché non avrei parole sufficienti per comunicare cosa mi ha fatto scattare dentro questo libro - non ancora almeno.Per ora l'ho messo da parte, resistendo alla tentazione di rileggerlo subito, per farlo sedimentare e riprenderlo in mano più in là, per una seconda lettura che mi sembra (quasi) obbligata.


    16. Scampoli di vita dell'autore. L'odissea dai dottori mi ricorda il "Caro Diario" di Moretti.La gioventù sciancata da punk mezzo drogato è lontanissima dalla mia ma in alcuni punti mi sono immedesimato e divertito in modo sublime, e alla fine gli occhiali del bambino mi hanno commosso.Insomma c'è ancora gente che sa raccontare!Ciliegina: ho assistito a una lettura delle prime 25 pagine da parte dello stesso Gipi al circolo dei lettori a Torino: quest'uomo è proprio simpatico e trasparente.


    17. Non avevo mai letto nulla di Gipi e sono stato spinto a questo libro dalle tante critiche positive sentite in giro per la rete.L'ho letto tutto d'un fiato. Drammatico, dolce, divertente, amaro.Gipi senza pudore mette in mostra s�� stesso e aspetti delicati della propria vita ma lo fa con ironia e questo non sempre e facile.


    18. È difficile parlare dei tratti di Gipi perché effettivamente sì, la sua vita è disegnata male ma tutto ciò sembra proprio esser stato studiato per dar luce alla Vita stessa e a tutte le vicende, psicologiche e vissute, che hanno creato l'uomo che vive nel presente. justanotherpoint.wordpress


    19. Molto autobiografico, malato (specie alla pelle del pisello), depresso (talvolta al limite del suicidio), deluso dalla vita e dagli amici, tossico, frequentatore di medici, dentisti e psicologi più malati di lui, inguaribile speranzoso, narratore di piccole e grandi storie, pieno d'amoreIn una parola: Gipi.


    20. Sto imparando a nuotare.Importante è sentire l'acqua che scorre.Non fare resistenza.L'acqua deve scorrere via.Armonici dovrebbero essere i movimenti delle braccia.Di piu'.E si deve stare calmi,quando si prende aria.SFRUSH!!!!! :D4/5 stelline









    Leave a Reply